Speedy flexx: un sistema laser, due sorgenti laser

Marca ed incidi materiali diversi in un unico passaggio: come funziona la tecnologia laser flexx?

Cos'è la tecnologia flexx e come funziona?

Gli incisori laser della Serie Speedy flexx sono equipaggiati sia con la sorgente laser CO2 che con la fibra, integrate in unico macchinario. Ciò permette di realizzare infinite applicazioni: la sorgente laser CO2 è ideale per incidere e tagliare acrilico, legno, gomma, pelle e molti altri materiali. La sorgente laser fibra è la soluzione ideale per marcare metalli e plastiche colorate.

La caratteristica principale della funzione flexx brevettata: grazie alla funzione flexx sviluppata da Trotec, entrambe le sorgenti laser lavorano in un unico processo di lavoro. A seconda del materiale, le due sorgenti si attivano alternativamente tramite il software laser JobControl® – in un unico processo di lavoro, senza cambio manuale del tubo laser, delle lenti o della messa a fuoco. Ogni applicazione realizzabile con il CO2, più la ricottura del metallo e l'incisione dello stesso, possono essere realizzate in tempi rapidissimi. Sono così garantiti il risparmio di tempo e la massima flessibilità nelle operazioni quotidiane.
Contattaci: i nostri esperti sono a tua disposizione per una consulenza sui laser flexx


Quali materiali possono essere processati con un laser Speedy flexx?

Marcatura sorgente laser fibra:

  • Plastica
  • Acciaio inox
  • Alluminio
  • Rame
  • Titanio
  • Superfici zincate e nichelate
  • Oro
  • Argento
  • Platino

Come posso usare entrambe le sorgenti per lo stesso processo di lavoro?

Le sorgenti CO2 e fibra sono controllate a seconda di quale sorgente è selezionata tra i parametri del database dei materali (Incisione CO2, incisione fibra, taglio CO2, taglio fibra). Ci penserà il software laser JobControl® ad impostare il tutto correttamente.
La differenza di focale tra la sorgente CO2 e fibra è di circa 7mm, che viene memorizzato automaticamente come valore fisso nel software JobControl®,  che sposta il piano quando si passa da una sorgente all'altra. 

Lente flexx per applicazioni CO2 e fibra

Applicazioni CO2 e fibra necessitano solitamente di lenti diverse. Trotec fornisce invece un'unica lente per le funzioni flexx, che è adatta sia alla sorgente laser CO2, sia alla fibra. Questa lente da 2.85 pollici ti permette di ottenere anche i dettagli più fini e con la massima qualità su qualsiasi materiale. Se stai utilizzando entrambe le sorgenti laser, non è quindi necessario cambiare manualmente lente.

Come posso trovare i parametri per materiali multipli?

Inserisci la lente da 2.85” flexx ed effettua la messa a fuoco del materiale. Ora testa il parametro necessario per i materiali separatamente, come hai sempre fatto.
Leggi qui sotto per scoprire come determinare i parametri in modo rapido e semplice.

Determinare i parametri laser

Come posso determinare la corretta messa a fuoco per materiali multipli con spessori differenti?

  1. Inserisci i parametri per il taglio e l'incisione
    Per prima cosa, definisci i parametri di taglio ed incisione utilizzando i 16 colori disponibili. Definisci le impostazioni, come velocità e potenza, nella finestra di dialogo del materiale. Il parametro z offset è utilizzato per impostare la messa a fuoco corretta per le diverse posizioni sul pezzo in lavorazione nella finestra di dialogo del materiale.
  2. Misura lo spessore del materiale e calcola il parametro z-offset
    Il prossimo passo è importante, è cioè la misura dello spessore dei diversi materiali per il calcolo del punto di messa a fuoco. Ciò significa che il materiale che corrisponderà al fuoco è il punto focale (fisso), e il fuoco sugli altri materiali sarà in riferimento ad esso. Questa differenza viene calcolata nei parametri con lo z-offset determinato in precedenza.

Note:

Quando si lavora con la lente flexx, raccomandiamo di effettuare la messa a fuoco per il laser fibra, perché il punto focale è più critico e deve essere molto accurato. Inoltre, lo strumento di messa a fuoco è impostato sul laser fibra. Quando il software passa alla sorgente laser CO2, il piano di lavoro si sposta automaticamente nel punto focale per CO2 immessa nel software, cioè 7 mm più in basso.


Esempio: impostazione dei parametri e calcolo dello z-offset usando una penna a sfera

La clip sulla penna a sfera viene contrassegnata usando il laser a fibra, l'alloggiamento in legno viene inciso utilizzando il laser a CO2 I parametri determinati in precedenza utilizzando la lente flexx da 2,85 "hanno il seguente aspetto e servono come base per il calcolo del valore dello z-offset finale:

  • Clip in metallo (incisione fiber): P: 80%, v: 50%, 20 kHz, z-offset: 0mm
  • Alloggio in legno (incisione CO2): P: 50%, v: 60%, 1000ppi, z-offset: +2mm

Calcola la differenza focale: materiale per la sorgente laser a fibra come punto di partenza

È importante sapere quale materiale mettere a fuoco per primo per il calcolo dello z-offset finale. Come accennato in precedenza, si consiglia di concentrarsi sul materiale che verrà lavorato utilizzando la sorgente laser a fibra, cioè la clip metallica in questo caso.
La differenza focale tra le due superfici è di 3 mm. Per uniformare la differenza focale e tenere conto dell'offset, calcola come segue:

3 mm (tolleranza / differenza di altezza tra i materiali) - 2 mm (offset z determinato) = 1 mm

Nota: la tabella deve essere aumentata per pareggiare la differenza, motivo per cui è necessario impostare un 'meno'. I parametri finali sono quindi:

  • Clip in metallo (incisione in fibra): P: 80%, v: 50%, 20 kHz, z-offset: 0mm
  • Alloggio in legno (incisione CO2): P: 50%, v: 60%, 1000ppi, z-offset: -1mm

Calcola la distanza focale: Materiale per sorgente laser CO2 come punto di partenza

In generale, è anche possibile concentrarsi per primo sul materiale per la sorgente laser CO2. Ciò è particolarmente utile quando la differenza di altezza è abbastanza grande che l'offset z calcolato è inferiore a -5 mm.

Hai bisogno di assistenza? Contatta il servizio tecnico.


Trotec Product Recommendations